Filosofia


Grandi vini richiedono forti ideali, tanto lavoro e soprattutto dedizione...



I nostri vigneti


Per ottenere dei grandi risultati il 90% del lavoro deve essere orientato ai vigneti

e solo il rimanente 10% al lavoro di cantina

I vigneti vengono trattati con estrema cura,
attenzione e nel rispetto delle tecniche agronomiche e della produzione. Viene infatti limitato il più possibile l'utilizzo di prodotti chimici e si lavora con l'obiettivo di mantenere bassa la produzione ( 17-20 hl, circa 30 qt. per ettaro). I vigneti esistevano già molto tempo prima che LA SPINETTA iniziasse a produrre vino e continueranno ad esistere anche dopo di noi: un buon motivo per trattarli secondo natura.

Il fatto di non aver ricevuto la terra in eredità da generazioni di produttori di vino ci ha permesso di acquistare i vigneti in seguito ad un'accurata selezione. Tutti godono di una posizione ottimale, con un'esposizione a sud, sud-est e sud-ovest e la maggior parte ha un'età media che varia dai 35 ai 65 anni. Soltanto con ceppi di quest'età si riesce a produrre un vino di un'eccezionale compattezza e complessità, nel quale è possibile ritrovare tutte le caratteristiche del terreno su cui cresce. Utilizziamo uva prodotta da vigneti giovani esclusivamente per la produzione del nostro Barbera Cà di Pian, del Langhe Nebbiolo e del Nero di Casanova.


Nei vigneti:

attenta cura durante tutto l'anno, resa estremamente bassa, nessun utilizzo di prodotti chimici, nessun trattamento fertilizzante, nessun pesticida, agricoltura biodinamica al 75%



Vitigni,


lavoriamo esclusivamente con vitigni autoctoni…

"Crediamo molto nei valori e nei prodotti della nostra terra e preferiamo quindi coltivare esclusivamente vitigni autoctoni, tipici della zona".

Il Piemonte è rinomato per il Moscato e per le sue varietà a bacca rossa come il Barbera, il Nebbiolo e il Dolcetto, ricchi di tradizione e tipici di questa regione. Preferiamo produrre i vini autoctoni del Piemonte e della Toscana nelle nostra aziende, vini che che appartengano alle zone in cui crescono, per ritrovare nel loro sapore tutte le caratteristiche legate alla terra di provenienza.



La nostra filosofia è quella di fare un passo indietro, alla riscoperta delle radici e delle tradizioni legate alla nostra terra, ben lontano da una globalizzazione di aromi e di sapori.
In Piemonte coltiviamo il Barbera, il Nebbiolo e il Moscato, mentre in Toscana produciamo il Sangiovese e Colorino...



Vendemmia Verde,


una bassa resa è il nostro punto forte nella produzione di grandi vini...

Durante il periodo estivo, precisamente tra l'inizio di luglio e l'inizio di agosto, avviene l'eliminazione di alcuni dei grappoli ancora verdi. Questa pratica, chiamata "vendemmia verde", viene eseguita tre volte ogni estate, con lo scopo di ridurre la quantità di uva prodotta e innalzare così la qualità del vino. Tale procedura richiede naturalmente una certa esperienza e abilità, in quanto è necessario ridurre la quantità di grappoli a un livello ottimale, tenendo in considerazione le condizioni climatiche e le caratteristiche dell'annata.

Mantenendo la produzione ad un livello basso, una media di 2.500 bottiglie per ettaro, vengono conferite al vino le caratteristiche e l'identità del terreno, raggiungendo così un'ottima qualità, determinata da un'elevata concentrazione di zuccheri e di aromi varietali.

Questo momento così delicato ed importante viene seguito con particolare attenzione per decidere quali saranno le linee guida da seguire nell'annata in corso.



Vendemmia,


il periodo dell'anno più impegnativo e frenetico richiede un'accurata capacità di

giudizio, tanta esperienza ed una perfetta armonia...

Generalmente la vendemmia ha inizio nei primi giorni di settembre con le nostre varietà a bacca bianca: Moscato, Chardonnay e Sauvignon. Tra la fine di settembre e l'inizio di ottobre si procede alla vendemmia del Barbera, seguita a metà ottobre da quella del Nebbiolo.

Gli elementi principali che determinano l'inizio della vendemmia sono: il grado di maturazione dell'uva, il suo contenuto zuccherino e di acidità e le condizioni atmosferiche. Normalmente la vendemmia presso LA SPINETTA inizia da una a due settimane prima rispetto alla maggior parte dei produttori della zona. Questo perché la vendemmia verde effettuata in estate velocizza sensibilmente il processo di maturazione dell'uva.

Per la raccolta dell'uva, eseguita interamente a mano usiamo piccole cassette traforate.





Il lavoro in cantina,


i nostri vini rispecchiano le caratteristiche uniche della nostra terra e dei vigneti

e non la mano di chi li lavora...

Il vino deve rispecchiare tutte le inconfondibili caratteristiche del terreno, il rispetto con cui vengono coltivati i vigneti e non certamente la mano di un produttore. Presso LA SPINETTA non produciamo un vino Giorgio Rivetti o Andrea Rivetti, ma un vino che appartenga al vigneto in cui nasce; chiamato Gallina, Starderi, Valeirano, Sezzana, Sassontino... Allo stesso modo il lavoro nelle cantine si attiene a questa filosofia.




Tuttavia, tramite l'utilizzo di tecnologie all'avanguardia e di barrique in legno di quercia sempre nuove, lavoriamo nel completo rispetto delle norme igieniche, un fattore estremamente importante per noi.

80% barrique nuove in legno di quercia francese di media tostatura, controllo costante della temperatura e dell'umidità, utilizzo di rotofermentatori per la macerazione e fermentazione alcolica, nessuna filtrazione né chiarifica, controllo costante della qualità durante tutto il processo.







LA SPINETTA S.S. / Via Annunziata 17 / 14054 Castagnole Lanze / Tel: 0141 877396 / info@la-spinetta.com